Abbiamo 5 visitatori e nessun utente online

colori...colori....colori.....colori......colori.......colori........

Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina inviano al cervello quando assorbono le radiazioni elettromagnetiche di determinate lunghezze d'onda e intensità nel cosiddetto spettro visibile o luce. 

Una delle imprese più difficili per l'occhio umano è quella di distinguere tutti i colori presenti in natura. 

 

I colori primari

In pittura si definiscono colori primari quelli che non si possono ottenere dalla mistione di altri colori. I colori primari sono giallo, blu(magenta) e rosso rappresentati dai 3 colori centrali nella figura seguente

Questa immagine mostra una Ruota Cromatica

 

I colori secondari e terziari

Mischiando due colori primari si ottengono i colori secondari.

giallo + rosso = arancio

giallo + blu = verde

rosso + blu = viola

La figura sopra riportata, mostra come ogni coppia di colori primari generi un colore secondario. Abbiamo quindi ottenuto i 6 colori fondamentali della nostra ruota dei colori che, uniti al bianco e nero, sono gli unici colori disponibili in natura.

Tutti gli altri colori non sono altro che una versione più o meno brillante e più o meno chiara di questi colori.

Mischiando un colore secondario con il primario adiacente otteniamo un colore terziario. Ad esempio:

giallo + verde = verde giallognolo

giallo + arancio= giallo aranciato

rosso + arancio= rosso aranciato

rosso + viola= rosso violaceo

blu + verde= blu verdastro

blu + viola= blu violaceo

 

I colori complementari

Si definisce colore complementare di un dato colore quello che gli è opposto nella ruota cromatica. Osservando la seguente figura è facile stabilire che:

il colore complementare del giallo è il viola e viceversa;

il colore complementare del rosso è il verde e viceversa;

il colore complementare del blu è l’arancio e viceversa.

Questa immagine mostra una Ruota Cromatica con i Colori Caldi e Freddi

E’ ovvio che, mantenendo lo stesso principio, il complementare di un giallo-aranciato è un blu-violaceo. Il concetto di colore complementare è fondamentale in pittura in quanto serve per controllare il grado di saturazione di un colore.

Dato un colore colore giallo cadmio e volendo ottenere una versione meno brillante (ad esempio color sabbia), bisognerà mischiare al giallo una punta di viola.

Dato un oggetto rosso, come ad esempio una mela, per dipingere la parte in ombra di essa sarà sufficiente mischiare al rosso un o' di verde.


Per duplicare un colore già esistente, oltre all'abilità e all'esperienza dell'occhio umano, si fa affidamento su uno strumento tecnologicamente avanzato denominato SPETTROFOTOMETRO.

 

Questo strumento è in grado di esaminare le radiazioni elettromagnetiche del colore e, mediante apposito software, calcolare la formula con le percentuali di colori primari e secondari che, mischiati tra di loro, hanno come risultato finale il colore di origine.

L'occhio umano andrà poi a correggere alcuni aspetti del colore riprodotto quali la brillantezza, la lucidità e l'invecchiamento del colore stesso.

E' possibile ottenere risultati ad hoc in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza andando ad aggiungere al colore (derivante dall'unione di paste pigmentate e finitura trasparente) prodotti professionali come fondi, resine, olii, additivi, catalizzatori ecc.

 

Richiesta preventivo

Richiesta preventivo
Nome
Invalid Input
Email
Invalid Input

  Refresh
Invalid Input
Telefono
Invalid Input
Descrizione
Invalid Input

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.